La Città che vorrei

Laboratorio Permanente ATIR
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 fosco maraini, fiore secco in libro vecchio

Andare in basso 
AutoreMessaggio
livia



Messaggi : 23
Data d'iscrizione : 08.11.11

MessaggioTitolo: fosco maraini, fiore secco in libro vecchio   Dom Nov 27, 2011 4:53 pm

Livia (Mariangela)

Da: Fosco Maraini, Gnòsi delle Fànfole
Proposta n.2 – idem, come dialogo, tra chi la dice e chi la spiega


Fiore secco in libro vecchio

Ricordi quando usavano le boppie
calate sui pitànferi supigni,
e légoli girucchi e panfe doppie
ornavano gli splagi e i pitirigni?

Oh zie, oh dolci zie in bardocheta
Voltatevi col glostro ricamato,
scendete per le scale a beta beta
dai màberi del tempo agglutinato!

Chissà laggiù se ancora la sbidiera
Gramugna lentamente a canta laghi
Nell’ufe coccia coccia della sera?
Or più non usa uscire sugli sbaghi
Guardando davanti a sé con aria altera,
tra i lùgheri, gli arcostoli, gli snaghi.

NOTE:

. Ricordi… le boppie: bei tempi quelli! Erano ancorai tempi che non conoscevano i pippibaudi, i tempi dell’ozono senza buco. L’espressione di Ovidio: “il tempo distrugge ogni cosa” (tempus edax rerum, Metamorfosi, XV, 234) è giusta e veritiera. Conclusione: sparite le boppie e arrivati i disc jockey e gli stlisti è stato un attimo. O tempora! O mores!

. …pitànferi supigni: e oramai non si usano più neanche i pitànferi: né supigni (quelli per lungo), né troniati (quelli per ritto).

. …légoli girucchi: orli a giorno col frullino.
…a panfe doppie: modo di ricamare tipico, nel Pistoiese, delle giovani donne da marito che si preparavano il corredo. “o quella che ce l’ha a panfe doppie?” – era il modo di dire dei giovani del posto che stava a indicare una ragazza altera, poco alla mano.

. …splagi: lenzuola di lino a due piazze.
…pitirigni: fazzolettini (sempre di lino).

. …bardo cheta: mantella di lana, che le anziane signore indossavano in casa, e fuori, per coprirsi le spalle dagli spifferi della tramontana. Pare che tornino di moda: ce ne sono già in commercio, firmate Versace, Dolce & Gabbana, Trussardi, Armani, ecc., a prezzi popolarissimi: appena sopra i 2 milioni.

. Scendete …a beta beta: calar le scale un po’ girati sul fianco, uno scalino alla volta, lentamente. Per non correre il rischio di scenderle a betaaaaaaaa…!

. Dai màberi: dai meandri (cfr. nei màberi mi persi…- Dante Alighieri, XII canto, Inferno).

. Chissà…della sera?: questo ricordo, questo domandarsi se la sbidiera gramugna ancora nell’ufe coccia coccia (calma calma) della sera, è struggente.

. …uscire sugli sbaghi: stare fuori dalla porta, sul panchetto a tre gambe (sbago), dopo il calar del sole. Usanza paesana definitivamente morta con l’avvento della tivvù e della IMOSP (imposta municipale occupazione suolo pubblico).

. …lùgheri: piccoli vicoli acciottolati.
…arcostoli: quei deliziosi portici in pietra e mattoni rossi, spesso coperti d’edera, caratteristici dei paesi d’un tempo. Sono spariti dopo l’avvento dei Piani Regolatori.
…gli snaghi: che, ahimè, sono del tutto scomparsi. Nella mia casa in campagna ne conservo uno ancora in discrete condizioni e, ogni volta che vi poso sopra lo sguardo, mi si stringe il cuore…

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
fosco maraini, fiore secco in libro vecchio
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» "Ultimo tè a Marrakesh"-Toni Maraini
» [libro] Gli elisir del diavolo (di E. T. A. Hoffmann)
» Libro "Tra Scilla e Cariddi" - Storia di navi e di uomini
» Un fiore che dorme...
» [libro e film] Harry Potter e l'Ordine della Fenice (di J. K. Rowling e D. Yates)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Città che vorrei :: Testi :: Testi d'autore :: Dialoghi-
Vai verso: